Workshop a cura di Angelo Turetta – Yeast Photo Festival

89.00

Sabato 23 luglio
10:00-13:00 / 15:00-18:00
Yeast Photo Festival – Villa Pellegrino, via Roma, Matino (LE)

In collaborazione con Yeast Photo Festival abbiamo pensato di organizzare un workshop imperdibile. Un workshop, ma soprattutto un viaggio al fianco del grande fotografo Angelo Turetta per conferire alle immagini un valore più alto che sconfini nella poesia. “L’inganno degli occhi” è tutt’altro che un inganno, è un’altra affascinante verità da esplorare.

Iscriviti subito a questo straordinario workshop!

Categoria:

Descrizione

Con Angelo Turetta

L'inganno degli occhi

DETTAGLI

Sabato 23 luglio
10:00-13:00 / 15:00-18:00
Yeast Photo Festival – Villa Pellegrino, via Roma, Matino (LE)

TEMI

In collaborazione con Yeast Photo Festival abbiamo pensato di organizzare un workshop imperdibile. Un workshop, ma soprattutto un viaggio al fianco del grande fotografo Angelo Turetta per conferire alle immagini un valore più alto che sconfini nella poesia. “L’inganno degli occhi” è tutt’altro che un inganno, è un’altra affascinante verità da esplorare.

Iscriviti subito a questo straordinario workshop!

FOCUS

L’interpretazione della realtà e la sua possibile “manipolazione” attraverso il linguaggio fotografico: un viaggio per mettere in discussione la “visione reale” trasformandola in sguardo soggettivo dove tutto può diventare “visione irreale”.

Trascinare il reale, ritenuto solido e sicuro, verso una deriva poetica.

ANGELO TURETTA

Dai palcoscenici del teatro d’avanguardia anni ’70 e ’80, ai set del cinema contemporaneo, Angelo Turetta ha fotografato gli eventi della scena culturale e artistica Italiana negli ultimi tre decenni, documentando con particolare attenzione e costanza le tendenze ed i cambiamenti attraversati negli anni dalla città di Roma, negli ambienti “di tendenza” come in quelli marginali delle periferie. Tra i riconoscimenti ottenuti dai lavori fotografici di Turetta figurano tredici primi posti consecutivi al Concorso Nazionale per la Fotografia di Scena (1996-2006) e un World Press Photo Award (2001).